Corso di Laurea ad orientamento professionale in Tecniche per l’Edilia e la Gestione del Territorio

Classe L-23 Corso di Laurea ad orientamento professionale in Tecniche per l’Edilizia e la Gestione del Territorio

< menu del CdL

Presentazione

Finalità
Il Corso di Laurea in “Tecniche per l’edilizia e la gestione del territorio” (classe L-23 “Scienze e Tecniche dell’edilizia”), si propone di formare una figura tecnico-professionale qualificata, con una accentuata attitudine all’uso delle moderne tecnologie, in grado di rispondere alle richieste espresse dal settore dell’edilizia e delle infrastrutture civili e rurali e della gestione del territorio, sia nell'ambito dell'esercizio della libera professione, sia all’interno di imprese, studi e società di ingegneria, enti locali e pubbliche amministrazioni.

Percorso Formativo
Mantenendo la coerenza con gli obiettivi formativi qualificanti della classe L-23, il Corso di Laurea li declina e li precisa, in relazione alla formazione di un profilo spiccatamente professionalizzante che, in linea con le indicazioni del MIUR e del CUN, è fortemente orientato all'ingresso immediato nel mondo del lavoro, piuttosto che al proseguimento degli studi nel percorso magistrale.
Il percorso formativo è organizzato in modo da fornire nei primi due anni sia conoscenze e competenze scientifiche di base, per rafforzare la formazione dello studente e consentire una corretta comprensione e impostazione, formale e metodologica, delle problematiche tipiche delle discipline tecniche successivamente trattate, sia conoscenze e competenze per l'inquadramento di contesto, il rilievo e la rappresentazione in ambito edilizio e per la topografia, per le tecnologie dei sistemi edilizi, riferite in particolare alla proprietà dei materiali e ai caratteri funzionali e distributivi degli elementi costruttivi e degli spazi, per il funzionamento, il dimensionamento e la posa in opera di singoli elementi strutturali e di costruzioni modeste, per la gestione dei cantieri, con particolare riguardo agli aspetti connessi alla sicurezza, per lo svolgimento di adempimenti essenziali di natura tecnica, economica e amministrativa necessari all'esecuzione di interventi edilizi, infrastrutturali e territoriali, per la tecnica e pianificazione urbanistica, per la definizione di semplici infrastrutture e interventi per la protezione e la salvaguardia dell'ambiente, per l'estimo e la valutazione economica di progetti.
Per un significativo numero di insegnamenti sono previste specifiche attività di laboratorio e di natura operativa, individuali e/o di gruppo, da svolgere in campo aperto e/o in cantiere.
Il terzo anno è quasi interamente dedicato allo svolgimento di un tirocinio professionalizzante, finalizzato a completare la formazione, con l’applicazione pratica delle conoscenze e competenze acquisite, affrontando e risolvendo problemi propri del contesto lavorativo in cui si dovrà operare. Il tirocinio professionalizzante, svolto presso studi tecnici, ordini professionali, imprese, amministrazioni pubbliche o private, rappresenta una importante opportunità per mettere in pratica, in un contesto lavorativo reale, quanto appreso in pressoché tutte le attività formative. Inoltre, impegnando una parte cospicua del percorso formativo, rappresenta un momento cruciale di confronto con professionisti, imprenditori, funzionari pubblici e committenti, di fondamentale importanza per il completamento e l’arricchimento della formazione dello studente.

Requisiti di accesso
Per essere ammessi al Corso di Laurea occorre essere in possesso di un diploma quinquennale di scuola secondaria superiore ovvero di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo dall’Ateneo nel rispetto degli accordi internazionali vigenti. L’accesso è a numero programmato a livello locale e richiede lo svolgimento obbligatorio del Test On Line CISIA (TOLC-I), finalizzato anche a verificare la preparazione iniziale degli studenti. Per affrontare con profitto il corso è richiesto il possesso di conoscenze scientifiche di base (elementi di matematica, aritmetica ed algebra; geometria analitica nel piano, funzioni numeriche e trigonometria; statistica elementare; fondamenti di fisica, con riferimento a meccanica, ottica, termodinamica, elettromagnetismo; chimica elementare); capacità logiche; comprensione verbale.

Ambiti occupazionali
Il tecnico formato dal corso di laurea potrà operare negli ambiti delle costruzioni edili e delle infrastrutture territoriali sia come libero-professionista (previa iscrizione agli albi o ai collegi professionali secondo le norme legislative vigenti) sia come dipendente di studi o società professionali, imprese di costruzioni, società immobiliari, aziende di produzione o installazione di componenti per le costruzioni, amministrazioni ed enti pubblici. Nel contesto lavorativo potrà svolgere sia funzioni autonome in numerosi ambiti, quali quello del rilievo e della rappresentazione, estimativo, topografico, catastale, della gestione di cantiere, della redazione di pratiche edilizie, capitolati e contabilità dei lavori, nonché della progettazione e direzione relative a modeste costruzioni, sia funzioni di supporto alle attività di progettazione, direzione lavori e collaudo sviluppate da figure professionali di livello superiore. Nel dettaglio, sarà in grado di svolgere anche in autonomia il rilievo e restituzione documentale di immobili e terreni, il tracciamento di infrastrutture territoriali di fabbricati e di lottizzazioni, la redazione delle pratiche catastali di fabbricati e di terreni, l’elaborazione di stime e perizie di immobili impianti e suoli, la gestione di pratiche edilizie, capitolati tecnici e contabilità dei lavori; potrà, inoltre, occuparsi dell’applicazione della normativa e delle procedure di sicurezza nei processi costruttivi.
 

  RIsultati di apprendimento attesi