Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio

Classe LM-35 delle Lauree Magistrali in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio

< menu Offerta didattica 

Il Corso di studio in breve

I principali sbocchi occupazionali riguardano imprese, enti pubblici e privati e studi professionali che si occupano di progettazione, pianificazione, realizzazione e gestione di opere e di sistemi di controllo e di monitoraggio dell’ambiente e del territorio, di difesa del suolo, di gestione dei rifiuti, delle materie prime e delle risorse ambientali, di valutazione degli impatti e della compatibilità ambientale di piani e opere, di servizi tecnici e cartografici nazionali e regionali. Il Corso si articola in due curricula:
a) Tutela Ambientale e Controllo dell’Inquinamento (TACI);
b) Ingegneria dei Rischi Naturali e Antropici (IRiNA).
A partire dall’a.a. 2013/2014 sono disattivati i curricula:
- Gestione dei rischi naturali
- Gestione e pianificazione delle acque.
Al fine di garantire la regolare prosecuzione degli studi e il conseguimento del titolo agli studenti immatricolatisi nell’ a.a. 2012-2013, saranno regolarmente attivati gli insegnamenti del II anno dei suddetti curricula.

Il possesso del diploma di Laurea Magistrale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio costituisce requisito di ammissione per l’esame di stato, al cui superamento è subordinata l’iscrizione alla Sezione A dell’Albo degli Ingegneri.



Dettagli del Corso di studio

Presentazione
Modalità di accesso e requisiti curriculari
Composizione Consiglio
Verbali del Consiglio
Regolamento didattico
Insegnamenti attivi
Materie a scelta
Semestralizzazione
Elaborazione questionari opinioni studenti
Pratiche studenti
Orario delle lezioni
Orientamento
Appelli d'esame
Commissioni esaminatrici
Sedute di Laurea
Bacheca
Archivio